Intervista a Jacky Godoffe

“DEVE ESSERE UN BUON MIX”

Jacky Godoffe è un arrampicatore francese e un istruttore di vie internazionali dal 1995. È responsabile della commissione ufficiale IFSC per la definizione delle vie e coordina il centro di formazione boulder francese. Inoltre, il 65enne ha già scritto diversi libri sull’argomento.

Costruisce percorsi da oltre 30 anni. Cosa la spinge a continuare a fare questo lavoro?

Ciò che mi motiva di più sono le storie che vengono riscritte ad ogni percorso – il bello è che queste storie hanno a che fare con le persone. Molte cose devono lavorare insieme, ma la cosa più importante è raggiungere un obiettivo comune.

Perché ha smesso di costruire per la Coppa del Mondo?

Ho smesso di impostare nel segmento più alto l’anno scorso perché la mia forma fisica personale non è più abbastanza alta per tenere il passo con i giovani atleti. Non sono più così agile a sessant’anni. Questa è la vita! I percorsi devono anche corrispondere all’età. Ho impostato per la Coppa Europa e per le competizioni giovanili – e mi piace ancora farlo.

Molti dicono che la costruzione di percorsi è una specie di arte. Lei come la vede?

Non penso che sia arte, vedo ogni costruzione di percorso come una nuova pagina bianca che puoi scrivere insieme alla tua squadra e agli atleti. Alla fine della giornata, ci deve essere un obiettivo che va bene per tutti. Allora abbiamo fatto un buon lavoro tutti insieme.

Secondo Lei, cosa rende un buon costruttore?

Questa è una buona domanda: è la somma di quello che tu dai come costruttore di percorsi e quello che danno gli atleti. Si può vedere il tutto come un gioco di carte; io gioco le mie carte con le aspettative e gli obiettivi, gli atleti giocano le loro carte con le loro abilità – la chimica dovrebbe essere giusta per entrambe le parti.

Cosa fa un buon percorso?

Voglio costruire in modo equo per tutti i partecipanti; quindi non è solo la tecnica che conta, ma anche le componenti fisiche – deve essere un buon mix. Non tutti gli atleti hanno la stessa portata, la stessa dimensione; ma i percorsi devono essere impostati in modo che ci siano condizioni eque per tutti.

L’arrampicata non è solo la tua professione, ma anche il tuo hobby. Lei trasmette anche la sua passione ai giovani atleti. Perché è così importante per lei?

Perché è importante unire le persone con un obiettivo comune. Non voglio solo costruire buone rotte, ma anche un buon rapporto interpersonale tra tutte le persone coinvolte è molto importante per me.

In quale direzione si svilupperà la costruzione dei Boulder

La costruzione del percorso cambierà, di sicuro. Non posso dire in quale direzione e non voglio. Questo spetta ai giovani costruttori di vie, le giovani leve che verranno a costruire le vie del futuro.

Il secondo turno del PURE MOVES si svolgerà sabato 04.02.2023!

Maggiori informazioni e il link per l’iscrizione  trovate qui!